Recupero di nuove materie prime dal riciclo di rifiuti speciali.

Dal 1981 RMB recupera nuove materie prime dal riciclo di rifiuti speciali e materiali di scarto curando ciclo di lavorazione.

Italiano English Française Deutsch
download autorizzazioni
RICHIEDI INFORMAZIONI »
La storia
RMB recupera nuove materie prime dai rifiuti
RMB ciclo integrato dei rifiuti

RMB, da oltre 35 anni recupera nuove materie prime occupandosi dell’intero ciclo integrato dei rifiuti, ovvero di tutta la filiera delle attività connesse: raccolta, trasporto, trattamento, recupero e smaltimento.

L’attività di R.M.B. nasce nel 1981 nell’insediamento di Via della Chiesa a Polpenazze (BS) come semplice attività di raccolta e commercio di metalli.


1981



Nasce come attività di
raccolta e commercio metalli

1993



Ottiene la prima autorizzazione regionale per le operazioni di stoccaggio, cernita e recupero di rifiuti speciali per un quantitativo di 10.000 t/anno.

2000



Incremento della potenzialità dell’impianto a 30.000 t/anno. Nel frattempo R.M.B. S.p.A. ottiene l’autorizzazione alla realizzazione ed all’esercizio dell’impianto di recupero di rifiuti speciali non pericolosi nella nuova area di Via Montecanale, sempre nel Comune di Polpenazze del Garda, con potenzialità pari a 20.000 t/anno.

2001



Viene rilasciata dalla Regione Lombardia un’autorizzazione con incremento della potenzialità fino a 30.000 t/anno. Il nuovo impianto R.M.B. S.p.A. viene quindi realizzato nell’area di Via Montecanale e nel 2001 l’operatività di R.M.B. S.p.A. viene trasferita per intero nella nuova sede accanto al già esistente impianto FIM S.r.l.

2003



Nel 2003 la Società FIM S.r.l. viene fusa per incorporazione alla Società R.M.B. S.p.A. che ne assume le autorizzazioni. R.M.B. S.p.A. presenta alla Regione Lombardia la compatibilità ambientale per un progetto d’ampliamento dell’impianto esistente e la possibilità di gestire terreni derivanti da attività di bonifiche di siti, scorie da incenerimenti di rifiuti solidi urbani ed altri rifiuti di natura inorganica destinati al recupero, rifiuti con componenti organiche quali plastiche e gomme.

2005



A seguito della pronuncia positiva di compatibilità ambientale della Regione Lombardia, la Provincia di Brescia approva il progetto di ampliamento presentato con potenzialità di 147.520 t/anno.

2007



Viene rilasciata ad R.M.B. S.p.A. l’Autorizzazione Integrata Ambientale (Decreto D.G. n. 5078/2007) secondo il D. Lgs. Governo n° 59 del 18/02/2005 “Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento”; contestualmente viene autorizzato l’ampliamento dell’insediamento verso il lato Sud con la realizzazione di una nuova porzione di stabilimento e l’aumento della potenzialità complessiva dell’impianto a 187.520 t/anno.

2008



Viene rilasciata dalla Provincia di Brescia l’autorizzazione paesistica che autorizza la realizzazione della nuova porzione dell’insediamento a Sud.

2010



Ottenuta l’autorizzazione alla progettazione e realizzazione di processi e impianti per il trattamento dei rifiuti con messa a regime e collaudo.

2011



Viene rilasciata ad R.M.B. S.p.A. dalla Provincia di Brescia l’Autorizzazione Integrata con Atto Dirigenziale AIA n. 3544 del 18.10.2011 per le attività IPPC previste ai punti 5.1 e 5.3 dell’Allegato VIII alla parte seconda del d.lgs. 152/2006 e s.m.i. per le operazioni di recupero (R13, R12, R3, R4, R5) e di smaltimento (D8, D9, D13, D14, D15). Potenzialità complessiva dell’impianto 320.000 t/anno.

2013




Entrata in funzione del nuovo mulino per autoveicoli

2014



Avviamento nuovo impianto di selezione ed arricchimento di ultima tecnologia per il recupero e la valorizzazione di matrici molto fini.

2015



Ampliamento Autorizzazione Integrata per le attività IPPC per le operazioni di recupero e di smaltimento. Potenzialità complessiva dell’impianto pari a 620.000 t/anno.

2016



Entra in funzione l'impianto per la produzione di prodotti/aggregati (conglomerati cementizi, misti cementati, aggregati sciolti non legati)

GLI IMPIANTI PRODUTTIVI

impianti a tecnologia articolata per separare le diverse frazioni dei metalli

(ferrosi e non ferrosi) e valorizzare i rifiuti in ingresso.

I MATERIALI

recupero e valorizzazione dei rifiuti, in particolare dei metalli:

core business di RMB da oltre 30 anni

RMB E
L'AMBIENTE

RMB è iscritta nella White List come azienda virtuosa grazie al Sistema Integrato per la qualità, al Codice Etico, all'adozione del modello di Organizzazione, gestione e Controllo del D.L. 231/2001.

linkedin